economia e diritto

blog economia

Archivi per luglio, 2011

FINANZA STANGATA SUL PICCOLO RISPARMIO

Scritto da economia-diritto.net il 19 luglio 2011

Per fortuna che doveva essere una manovra finanziaria per colpire le caste, le finanze alte, il costo della politica, gli stipendi esagerati nella sanità e pubblica amministrazione, sulle pensioni vertiginose, ecc. E invece chi è stato colpito dall’ ultima manovra finanziaria di Tremonti? Solo ed esclusivamente il piccolo risparmiatore. Chi da una vita ha lavorato per mettere da parte qualcosa, qualche obbligazione che gli dia un piccolo interesse annuo, è stato tassato di oltre il 200% con un imposta sui depositi titoli. Ma cosa recupera lo Stato con una scelta simile? Un blocco del risparmio con una conseguita perdita di compravendita titoli obbligazionari e un successivo dietrofront del capitale in circolazione sulle borse. Bene bella scelta… e i signori e le loro caste restano dove sono.

  • Share/Bookmark

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

Dentisti all’estero

Scritto da economia-diritto.net il 18 luglio 2011

Perché sempre più persone decidono di affidarsi, per le necessarie cure dentali, a professionisti oltre confine? La domanda non è banale e la risposta non può essere solo quella relativa alla questione del risparmio economico. Già, perché risparmiare non sempre è considerato un elemento favorevole, abituati come siamo, a pensare che se si risparmia molto allora con ogni probabilità, acquisteremo un prodotto di scarsa qualità. L’aspetto più interessante del cosiddetto “turismo dentale” invece, sta proprio nel fatto che tutti i dati disponibili parlano di un fenomeno che non tradisce affatto la qualità dell’offerta ma, anzi, il livello dei dentisti all’estero non è affatto inferiore a quello del proprio dentista. Croazia, Ungheria e Romania sono paesi in prima fila nell’offerta di servizi sanitari dentali, spesso con offerte articolate e standard di qualità eccellenti. I Dentisti all’estero raccolgono consensi e curiosità, soprattutto se si vuol capire un fenomeno nuovo che, in qualche modo, mette in crisi tutti gli argomenti dei dentisti nostrani che, in tutte le occasioni possibili, hanno ribadito l’impossibilità di applicare i prezzi che applicano i loro colleghi all’estero. Le loro ragioni sono sempre meno credibili, per molti motivi.

In primo luogo dobbiamo considerare che i dentisti croati o ungheresi hanno spesso studiato nelle stesse università dei loro colleghi italiani o tedeschi; in secondo luogo sono tutti in possesso di titoli e specializzazioni ulteriori, spesso conseguiti addirittura fuori dall’Europa; infine, ma non secondario, hanno applicato alla loro materia, gli stessi criteri adottabili per altri generi di progetti “commerciali”, riconoscendo l’importanza di soddisfare il cliente cercando di rispettare la l’esigenza di risparmiare per una fondamentale necessità quello che in Italia o in Svizzera sta diventano un vero lusso, in altri paesi confinanti, diventa un sacrosanto diritto che tutte le persone possono vedere soddisfatto senza rovinarsi economicamente.

I prezzi applicati nelle cure dentali o nelle protesi dentarie, in questi paesi, sono straordinari, se solo si pensa alle richieste spesso impossibili dei loro colleghi in altre nazioni. Ormai fare un impianto in Italia significa affrontare l’esborso di molte migliaia di euro e vedersi impegnati in una estenuante serie di appuntamenti che si prolungano spesso per mesi. Nei paesi appena citati, invece, il tutto viene realizzato in pochi giorni, grazie al lavoro costante e ininterrotto di intere equipe, che garantiscono un’assistenza continua e un’altissima professionalità, a fronte di richieste economiche addirittura dimezzate. Nella maggior parte dei casi si tratta di vere e proprie cliniche nelle quali operano tutti i professionisti necessari a soddisfare l’ampio ventaglio di necessità in ambito dentale e, non di rado, queste stesse cliniche dispongono di una zona alloggi o di alloggi convenzionati vicini alla clinica in grado di ospitare i pazienti in qualsiasi momento e per il temo necessario alla conclusione dei lavori. Forse è proprio questo sistema di assoluto controllo di tutte le questioni organizzative necessarie, che ha generato l’espressione “turismo dentale”, come se si trattasse di una vacanza piuttosto che di una necessità di salute. A tutto questo bisogna aggiungere che molti dei dentisti in Croazia, Romania o Ungheria parlano altre lingue, compreso l’italiano, e quando la conoscenza della lingua straniera è stentata si fanno assistere da traduttrici in grado di risolvere il problema della comunicazione senza complicazioni. Raggiungere queste località per le cure dentali non richiede, inoltre, alcun visto, giacché si tratta di paesi che rientrano nell’area di libera circolazione europea. Chi decidesse di servirsi di questi professionisti può, fin dal primo contatto, chiedere tutta l’assistenza necessaria e scoprire che è possibile essere aiutati nella ricerca di biglietti low-cost, nel trasporto dall’aeroporto alla clinica odontoiatrica, nella disponibilità ad essere contattati anche attraverso telefono cellulare e, per chi volesse prolungare la permanenza, nell’organizzazione di escursioni turistiche.

  • Share/Bookmark

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

 

Bad Behavior has blocked 296 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok