blog economia

economia e diritto

blog economia

Cessione del quinto

Scritto da economia-diritto.net il 24 aprile 2018

In passato l’ accesso al credito da parte di cittadini privati italiani era molto difficile da superare e gli ostacoli purtroppo non riguardavano solo le garanzie dimostrabili ma anche fonti di reddito sicure e abbondanti. Talvolta lo stipendio fisso non bastava per avere un prestito o mutuo. Oggi gli scenari sono cambiati notevolmente anche grazie a numerose forme di prestiti tra cui la cessione del quinto molto gettonato tra i clienti di banche, assicurazioni e istituti vari. Se hai bisogno di un prestito e sei un dipendente a tempo indeterminato o un pensionato potresti richiederne uno con formula della cessione del quinto dello stipendio. Il funzionamento e’ abbastanza semplice: la rata mensile viene trattenuta direttamente dalla tua retribuzione, ad opera dell’azienda o dell’ente pensionistico e la rata non deve superare un quinto del tuo stipendio; quindi se hai uno stipendio di 1000 euro al mese, la rata mensile del tuo prestito non deve superare le 200 euro. Tu quindi non dovrai preoccuparti di nulla, e non dovrai fornire ulteriori garanzie oltre alla busta paga o al cedolino della pensione. Il tasso d’ interesse non è solitamente esagerato ma giusto e la forza di questa formula sta nel fatto che comunque il peso della rata sulla tua retribuzione peserà poco per qualsiasi importo richiesto come prestito. La concorrenza tra i vari istituti di credito e banche per questa formula è tanta e questo fa si che il tasso d’ interesse finalmente non sia da usura ma decisamente accettabile.

  • Share/Bookmark

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare i questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Bad Behavior has blocked 194 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok