economia e diritto

blog economia

Archivi per la categoria 'Senza categoria' Categoria


I fondi per il reddito di cittadinanza

Scritto da economia-diritto.net il 30 maggio 2018

Mentre si sta ancora discutendo se andare al voto presto o riprendere l’ ipotesi di un governo m5s / lega, esperti contabili cercano di capire dove prendere i fondi per realizzare piani costosi quali reddito di cittadinanza, flat tax, riforma fornero ecc. Tanti indivividuano come fondo per pagare il reddito di cittadinanza una misura indolore e fattibile in breve: il condono fiscale. Attraverso un condono dei debiti verso la pubblica amministrazione si stimerebbe una entrata tra i 30 e i 40 mld. Fondi che potrebbero servire per una misura di reddito di cittadinanza molto larga, quindi non somigliabile al reddito di inclusione legato principalmente all’ ISEE. Un reddito di cittadinanza mirato al reddito da lavoro e alla disoccupazione, tenendo conto solo del patrimonio immobiliare e del reddito che potrebbe realizzare.

  • Share/Bookmark

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

Reddito cittadinanza uguale a reddito inclusione

Scritto da economia-diritto.net il 20 maggio 2018

Dal contratto di governo per il cambiamento firmato da M5S e Lega emerge un dubbio sul cavallo di battaglia dei 5stelle relativo al reddito di cittadinanza: l’ importo sarà stabilito in base al reddito della persone o famiglia e della sua condizione patrimoniale. Questa formula fa capire che verranno utilizzati degli indicatori come l’ ISEE sopra la quale non si potrà accedere alla misura. Quindi non più una misura di contrasto alla disoccupazione ma alla povertà ed esclusione sociale. La domanda sorge spontanea: ma non esiste già una misura di sostegno per la povertà e l’ inclusione sociale che è il reddito di inclusione introdotto dal PD?

  • Share/Bookmark

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

Reddito di cittadinanza e flat tax: i fondi ci sono?

Scritto da economia-diritto.net il 12 maggio 2018

Sembra ormai delinearsi il contratto di governo Lega-M5S che la prossima settiamama o anche giò domenica verrà presentato con il seguirsi del giuramento e la squadra di governo. Soffermandoci ai due cavalli di battaglia portati avanti in campagna elettorale da M5S e Lega si è parlato molto in questi giorni soprattutto sulle coperture finanziarie. Tecnici, giornalisti ma anche politici oppositori condannano le due misure definendole folli per la mancata copertura. Anche l’ INPS si è dichiarata contraria; ma soffermandoci ai conti, un dubbio viene in mente agli elettori che hanno fortemente voluto al goveno i due schieramenti: la misura degli 80 euro del bonus Renzi, costata 10 mld, la misura del REI costata 1,5 mld, voucher baby sitter insieme a ASDI e voucher insegnanti e cultura e altre misure di contrasto a chi è in difficoltà calcolate intorno ai 3 mld; considerando la NASPI che pesa sulle casse dello Stato dai 10 ai 15 mld si arriva a superare un budget di 30 mld. Perchè quelle misure assistenzialistiche andavano bene mentre il reddito di cittadinanza stimato tra i 30 e i 35 mld è una follia? Domanda che nessun giornalista o politico oppositore ha mai fatto o segnalato.

  • Share/Bookmark

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

Euro in picchiata

Scritto da economia-diritto.net il 7 maggio 2018

Il dollaro in queste ultime settimane si sta rafforzando soprattutto sulla moneta del vecchio continente. L’ euro, dopo una forte crescita, sta scontando i problemi politici dei più grandi paesi dell’ unione; la Germania dopo tanti mesi di stallo politico è riuscito a fare un governo di larghe intese ma con tante divergenze; l’ Italia dopo più di due mesi dal voto ancora non solo non ha un governo ma aleggia la possibilità di un’ altra data per il voto da decidere tra Luglio e Ottobre senza però aver fatto quantomeno una legge elettorale che dia una maggioranza; anche la Francia che sembrava essere lo Stato senza problemi ha diverse grane da risolvere: l’ ostilità con gli USA per il nucleare dell’ Iran, problemi con aziende con partecipazione statale quale AIR FRANCE e la possibilità di avere un’ unione politica europea più forte ormai lontana.

  • Share/Bookmark

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

Cessione del quinto

Scritto da economia-diritto.net il 24 aprile 2018

In passato l’ accesso al credito da parte di cittadini privati italiani era molto difficile da superare e gli ostacoli purtroppo non riguardavano solo le garanzie dimostrabili ma anche fonti di reddito sicure e abbondanti. Talvolta lo stipendio fisso non bastava per avere un prestito o mutuo. Oggi gli scenari sono cambiati notevolmente anche grazie a numerose forme di prestiti tra cui la cessione del quinto molto gettonato tra i clienti di banche, assicurazioni e istituti vari. Se hai bisogno di un prestito e sei un dipendente a tempo indeterminato o un pensionato potresti richiederne uno con formula della cessione del quinto dello stipendio. Il funzionamento e’ abbastanza semplice: la rata mensile viene trattenuta direttamente dalla tua retribuzione, ad opera dell’azienda o dell’ente pensionistico e la rata non deve superare un quinto del tuo stipendio; quindi se hai uno stipendio di 1000 euro al mese, la rata mensile del tuo prestito non deve superare le 200 euro. Tu quindi non dovrai preoccuparti di nulla, e non dovrai fornire ulteriori garanzie oltre alla busta paga o al cedolino della pensione. Il tasso d’ interesse non è solitamente esagerato ma giusto e la forza di questa formula sta nel fatto che comunque il peso della rata sulla tua retribuzione peserà poco per qualsiasi importo richiesto come prestito. La concorrenza tra i vari istituti di credito e banche per questa formula è tanta e questo fa si che il tasso d’ interesse finalmente non sia da usura ma decisamente accettabile.

  • Share/Bookmark

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

Bonds Venezuela: le tesi del blocco degli istituti di credito

Scritto da economia-diritto.net il 20 aprile 2018

La questione venezuelana e del suo debito sono ancora in primo piano nella scena mondiale. Le cedola dei bonds sovrani e non solo ancora non arrivano e mentre la maggior parte delle agenzie di rating e analisti considerano lo Stato Venezuelano in default, aleggiano tesi di un blocco delle cedole negli istitui di credito. Questi tesi non è solo rafforzata dallr sanzioni imposte da Trump verso Maduro, ma anche dai parametri discordanti quali un aumeto inarrestabile del prezzo del petrolio e di un calo netto del valore della valuta dollaro. Le cedole dei bond venezuelani venivano pagati quando il petrolio wti stava ai minimi e cioè a 40 $; il dollaro era invece ai massimi, sfiorava il cambio con l’ euro di 1,06. La domanda è ovvia: oggi con il wti che sfiora i 70 $ e la valuta dollaro che a cambio con l’ euro fa quasi 1,24 come mai non vengono pagate le cedole? La tesi del blocco da parte degli istituti di credito si rafforza e la colpa sembra essere proprio quella delle sanzioni da parte di Trump.

  • Share/Bookmark

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

Brexit nuovo referendum

Scritto da economia-diritto.net il 16 aprile 2018

I negoziati per l’ uscita della brexit non stanno dando i risultati sperati soprattutto dagli inglesi. Il malumore cresce e la maggioranza degli inglesi se potesse tornare indietro la croce sul si alla brexit non la metterebbe. Quindi ieri viene lanciata a Londra la campagna per un secondo referendum sulla Brexit: in migliaia sono intervenuti di fianco al promotore, lord Andrew Adonis, ex uomo di governo laburista ed eurofilo convinto. L’obiettivo è un nuovo voto popolare sul risultato finale dei negoziati in corso non buoni fra il governo Tory di Theresa May e Bruxelles. Voto che se fosse negativo dovrebbe sancire a suo dire un ripensamento ipso facto sulla Brexit in cui il popolo inglese ha diritto ad esprimersi e quindi ripensare alla permanenza del Regno nell’Ue.

  • Share/Bookmark

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

Fine di un matrimonio: determina l’assegno di mantenimento

Scritto da economia-diritto.net il 12 aprile 2018

La fine di una relazione è, in ogni situazione, un momento di profonda delusione e tristezza. Donne e uomini possono indubbiamente vivere in modo diverso questa rottura, anche in base al tipo di legame e unione che si era creata in precedenza. Ansia, depressione e malessere fisico regnano sovrano quando il tuo matrimonio si conclude, soprattutto considerando quello che dovrà avvenire subito dopo. Una delle grandi conseguente della rottura di una relazione, è la determinazione di un assegno di mantenimento.

Il mantenimento reciproco degli ex coniugi trova riferimento giuridico nel dovere di assistenza morale e materiale, regolato dall’articolo 143 del codice civile. La condivisione è la caratteristica fondamentale di un matrimonio, ed è proprio l’aspetto che lo differenzia da qualsiasi altro tipo di accordo di natura contrattuale. E da qui nasce proprio il conseguente dovere di contribuire alle esigenze della famiglia, in particolare concentrandosi sul sostentamento e sulla crescita dei figli, qualora siano presenti.

Da una parte vige il dovere di mantenimento rispetto all’altro coniuge e alla famiglia, ma è altrettanto vero che esiste la possibilità dell’assegno di mantenimento a favore del coniuge separato, che è privo di reddito proprio.

I criteri di determinazione per l’assegno di mantenimento

Quando la separazione è consensuale, sono i due coniugi, davanti a un avvocato, a stabilire anche l’ammontare dell’importo dovuto per il mantenimento. Il Tribunale dovrà accertare che vi sia equità nell’accordo, soprattutto nel rispetto della tutela dei figli. I dettagli sull’assegno di mantenimento potranno poi essere modificati.

Qualora non vi fosse invece un accordo tra i due ex coniugi, il giudice dovrà stabilire a chi attribuire diritti e doveri. La determinazione dell’assegno di mantenimento è connessa all’individuazione di quella parte che è visibilmente svantaggiata e che non è in grado di continuare a vivere nello stesso tenore di vita. Il giudice dovrà quindi riequilibrare le reali capacità economiche della coppia che si separa, trovando quale sia il corretto valore da destinare al mantenimento.

Se dovesse verificarsi un inadempimento da parte del coniuge, che è obbligato a corrispondere l’assegno, il giudice potrà anche richiedere il sequestro dei beni, o richiedere che il versamento del denaro sia effettuato da terzi.

Richiedere l’intervento di un investigatore privato per determinare il reddito (nascosto) del coniuge

Vuoi trovare un modo sicuro per tutelarti? E’ possibile allora richiedere aiuto a un’agenzia investigativa per verificare le condizioni reddituali di un coniuge. L’intervento di un investigatore privato è fondamentale per avere assistenza e trovare tutte le risposte alle tue domande in fase di revisione, o determinazione dell’assegno di mantenimento.

Si tratta di una scelta utile per considerare eventuali cambiamenti nel tenore di vita di uno dei due ex coniugi. Si potrà così identificare quali sono questi eventuali cambiamenti che possono influenzare lo stile di vita di una persona.

Un investigatore lavorerà per controllare se il coniuge beneficiario ha, per caso, intrapreso una convivenza duratura con un’altra persona. Inoltre aiuta a considerare l’eventuale presenza di un nuovo lavoro, magari pagato in nero, o l’avvio di un’attività lavorativa con relativo reddito garantito.

  • Share/Bookmark

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

Roma - Barcellona 3-0 casse società piene

Scritto da economia-diritto.net il 12 aprile 2018

La leggendaria impresa dei giallorossi contro il Barcellona non è solo sportiva ma anche economica. Dopo gli elogi, i festeggiamenti, le gioie, adesso si passa alla cassa. Quanto ha incassato la società da questa straordinaria vittoria sul Barcellona?
Fino ad ora l’ incasso della Roma è di 81,02 milioni piiù eventuali ulteriori premi e (quello è sicuro) un altro lauto incasso dal botteghino e da tutto l’ indotto. Per questo la magica rimonta della Roma non è solo un’impresa sportiva; aggiungiamo un +20% sul titolo in borse che porta nelle casse della società un’ altra ventata di investitori pronti a rimanere su una società che adesso avrà un futuro roseo

  • Share/Bookmark

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

Diritto di recesso software

Scritto da economia-diritto.net il 10 aprile 2018

Quahndo si compra online, si solito l’ acquirente ha la protezione sugli acquisti e può avvalersi della legge sulla restituzione definita diritto di recesso. Alcune però tipologie di prodotti non consentono tale diritto come nella legge specificata. Quando l’ acquirente pretende la restituzione di un software acquistato va contro la legge sulla restituzione di software; il diritto di recesso non può essere applicato in base alla legge D. Lgs. 206/2005, articolo 55 comma 2, lett. d che prevede l’ esclusione per i software. Il legislatore ovviamente ha previsto l’ esclusione in quanto l’ acquirente una volta copiato il software lo restituirebbe ottenendo il software senza pagare.

  • Share/Bookmark

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

 

Bad Behavior has blocked 792 access attempts in the last 7 days.

pageTracker._initData(); pageTracker._trackPageview(); } catch(err) {}
Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok